Il sindaco di Pescara e la legge sulla intercettazioni

in relazione al D’Alfonso, in termini di gravità indiziaria, il quadro accusatorio già integralmente condiviso dal GIP – questo scrive il GIP nell’ordinanza che toglie gli arresti domiciliari all’ex sindaco – nel momento dell’adozione delle misure cautelari rimane, nel suo complesso, confermato e anzi sotto taluni aspetti rafforzato, sulle due principali vicende di corruzione e sull’associazione per delinquere.
Le acquisizioni successive all’interrogatorio del sindaco hanno in gran parte eliso
– cancellato – il valore del suo costituto difensivo” cioè la sua difesa è crollata di fronte a quello che è venuto fuori dopo il suo arresto.
Anzi, hanno fatto bene a metterlo ai domiciliari perché appena l’hanno messo ai domiciliari sono riusciti a interrogare e a trovare della roba che ha fatto crollare la sua linea difensiva.
Questo dice il GIP.


L’interrogatorio del Paolini – il portaborse pagato da Toto – ha offerto piena conferma dell’impianto accusatorio in relazione al fatto che Paolini era una sorta di assistente del sindaco stipendiato da Toto e fornito di autovettura di alta gamma” senza che sia possibile documentare quali prestazioni abbia svolto per l’imprenditore Toto questo Paolini.
Lavorava pagato da Toto per il sindaco.
Ribadita la gravità del quadro indiziario, come originariamente nell’ordinanza, occorre a questo punto farsi carico delle sopravvenienze intervenute in relazione al pericolo di inquinamento probatorio ascritto al D’Alfonso.
Le preannunciate e poi effettivamente eseguite dimissioni costituiscono un’apprezzabile sensibilità istituzionale e il commissariamento del comune determina un ulteriore indebolimento della rete di rapporti intessuti dal D’Alfonso nell’esercizio della propria attività politico amministrativa e della sua conseguente capacità di manipolare persone informate e documenti.
Quanto alla possibile costituzione di tesi difensive di comodo
– mettersi d’accordo con altri – va rilevato che esse sono già state in parte disvelate – cioè si è già scoperto che D’Alfonso s’era messo d’accordo per concordare versioni di comodo con altri, che però quando è stato arrestato hanno confessato che quello che avevano detto era falso, fatto per difendere se stessi e lui –.
E comunque il dettagliato sviluppo del costituto difensivo del sindaco – e i confronti già fatti con altre persone coimputate con lui – alla luce della notevole mole di materiale acquisito, rende meno probabili ulteriori manipolazioni delle prove“.
Per questi motivi il GIP revoca le misure cautelari applicate a carico di D’Alfonso.
Questo c’è scritto nell’ordinanza, come si fa a dire che sono crollate le accuse, che non lo dovevano arrestare?
Qui si dice il contrario: loro dicono “hanno fatto dimettere una giunta in base a fatti insussistenti“.
In realtà è il contrario! Il giudice dice che i fatti sono sussistenti e proprio grazie al fatto che il sindaco e la giunta si sono dimessi si possono togliere gli arresti all’ex sindaco, proprio perché è diventato ex.
Se non si fossero dimessi, cioè se non fossero stati arrestati, oggi non sarebbero stati scarcerati.
Se D’Alfonso fosse ancora al suo posto sarebbe ancora agli arresti.
Vedete come si falsificano le cose, forse sarebbe meglio leggerle le ordinanze, sono anche 8 pagine, è abbastanza facile, ce la possono fare anche i nostri politici e certi nostri maestri di giornalismo.
Naturalmente, tutto ciò viene usato da Berlusconi per abbracciare il centrosinistra nella speranza che lo coprano sulla legge sulle intercettazioni che ha di nuovo minacciato in questi giorni.
Perché la legge sulle intercettazioni è molto impopolare, la gente le vuole le intercettazioni per i potenti!
E dato che riguardano soltanto i delinquenti e i potenti che hanno rapporti con i delinquenti, perché un cittadino normale non rischia certamente di essere intercettato o il rischio è infinitesimale, è evidente che la gente le intercettazioni le vuole anche e soprattutto per questi reati.
Come ci sono in America, vedi l’arresto del governatore dell’Illinois.
Berlusconi ha bisogno della copertura del centrosinistra, perché se ha Di Pietro e il PD che tuonano contro questa legge la gente che vuole più sicurezza e più legalità comincerà a rendersi conto che Berlusconi ha un conflitto di interessi giudiziario che rende impossibile la sicurezza.
Infatti, vuole distruggere uno strumento fondamentale come le intercettazioni.

da voglioscendere.it

Annunci

~ di giblino su 29 dicembre 2008.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: